Assaggiare, odorare l'olio d'oliva, "il liquor d'ulivi" (Dante - Paradiso XII Canto), "...è come tornare a casa dopo un lungo viaggio, è il riconciliarsi con se stessi, ritrovare il senso della propria appartenenza ed il gusto della vita di ogni giorno..."
Certamente l'olio non rappresenta solo un valore affettivo o culturale, può e deve essere fonte di una ricchezza basata sull'impegno degli operatori e sulla qualità del prodotto ottenuto. Produrre bene non basta più. Occorre comunicare la cultura, la storia, come nascono i prodotti di qualità.
L'olio di oliva varia a seconda della regione di provenienza. Come avviene per il vino, la cultivar, il terreno, il clima, l'annata, i tempi ed i metodi di raccolta e altre condizioni determinano caratteristiche, sapori e profumi diversi.
Gli elementi distintivi degli oli variano al variare del territorio: il colore, dal giallo paglierino al verde; il sapore, che richiama, oltre al gusto dell'oliva fresca, anche quello della frutta o della verdura, l'aroma intenso o lieve.
Inoltre il marchio DOP tutela e valorizza i prodotti agroalimentari originari di un determinato territorio, dove tutto il processo produttivo deve essere realizzato all'interno di un'area geografica delimitata.



 
Copyright 2008 Agroali - Una realizzazione New Global Market - Webmaster